L’IRS chiarisce i requisiti di segnalazione per le criptovalute acquistate con fiat

L’IRS degli Stati Uniti ha chiarito che gli investitori crittografici che hanno acquistato solo asset digitali utilizzando fiat e non hanno venduto durante il 2020 non hanno bisogno di segnalare tali attività.

L‘ Internal Revenue Service degli Stati Uniti , o IRS, ha aggiornato la sua sezione FAQ sulla criptovaluta per chiarire che gli investitori che hanno acquistato solo asset crittografici con valuta fiat non hanno bisogno di segnalare le loro transazioni alla domanda „valuta virtuale“

La prima pagina del modulo di dichiarazione dei redditi individuale dei cittadini statunitensi, o Modulo 1040 , chiede se il convenuto ha ricevuto, venduto, inviato, scambiato o altrimenti acquisito „qualsiasi interesse finanziario in qualsiasi valuta virtuale“ durante il 2020.

Pertanto, la formulazione del modulo suggerisce che le persone che hanno acquisito risorse crittografiche con qualsiasi mezzo sarebbero tenute a rispondere sì alla domanda, indipendentemente dal fatto che la valuta virtuale sia stata acquistata utilizzando dollari statunitensi, scellini kenioti o arachidi.

Tuttavia, la domanda cinque delle informazioni aggiornate sulle domande frequenti sulla criptovaluta dell’IRS chiede se un individuo che „ha acquistato valuta virtuale con valuta reale e non ha avuto altre transazioni virtuali durante l’anno“ debba segnalare tali attività nel modulo 1040. La risposta ora afferma:

„Se le tue uniche transazioni che coinvolgono valuta virtuale durante il 2020 fossero acquisti di valuta virtuale con valuta reale, non sei tenuto a rispondere sì alla domanda del modulo 1040.“

La nuova sezione delle domande frequenti suggerisce che gli investitori in Immediate Edge criptovaluta non hanno bisogno di segnalare tali transazioni a condizione che abbiano acquistato esclusivamente criptovaluta per dollari statunitensi e non abbiano effettuato scambi di criptovaluta o venduto nessuna delle loro risorse digitali per fiat. Al contrario, se hanno acquistato criptovaluta con altre risorse crittografiche o venduto una qualsiasi delle loro criptovalute durante il 2020, le transazioni devono essere segnalate.

Sebbene l’IRS abbia cercato di fornire maggiore chiarezza agli investitori in criptovaluta in merito ai loro obblighi di rendicontazione negli ultimi anni, il ritmo dell’innovazione nel settore delle valute virtuali significa che le autorità di regolamentazione sono spesso lasciate a recuperare.

Il mese scorso, un rapporto compilato dalla Law Library of Congress e commissionato dal rappresentante repubblicano Tom Emmer ha osservato che solo cinque paesi hanno stabilito linee guida fiscali per gli stakers di criptovaluta . Emmer ha esortato l’IRS a fornire una guida chiara per gli stakers, sottolineando la necessità che i requisiti di tassazione siano „applicati in modo sensato“ per evitare di scoraggiare l’innovazione.